Poeti e Sognatori

...Sembra uno spazio fuori dal mondo, ma non č cosė.
Siediti al sole. Abdica e sii re di te stesso.

Fernando Pessoa
Immagine
 Campiello dei miracoli... di Alessandra Mazzucco

\\ Home Page : Storico : Tra lacrime e sorrisi (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Alessandra Mazzucco (del 23/10/2010 @ 19:17:16, in Tra lacrime e sorrisi, linkato 5556 volte)

"La mia lingua è nata con la mia pelle, con il battito del mio cuore." Adonis, candidato al Premio Nobel, è uno dei più grandi poeti arabi. Vive esiliato a Parigi, con un forte ricordo della sua terra d'origine, la Siria, e una grande fiducia nella potenzialità sociale della donna.  Adonis ha oggi 80 anni, è antireligioso, e in passato ha trascorso un anno in carcere, insieme alla moglie, Khalida Said, per essersi opposto ad un regime di violenza ed oppressione. Ama il mondo arabo: la sua arte, le tradizioni, la lingua, che ha contribuito a rinnovare...  e attraverso la poesia offre al mondo occidentale l'immagine dolce e seducente che purtroppo spesso sfugge a chi conosce gli arabi solo tramite le notizie dei giornali.
Possiede un' ammirazione e un rispetto innato per la donna, "il cammino dell'uomo verso se stesso": la celebra nelle sue opere, ne sostiene le conquiste sociali, la sollecita ad una continua sfida per realizzare il sogno di un mondo migliore da lasciare in eredità a figli e nipoti. "Voi che nascete per dare la vita al mondo, dovete costituire un'internazionale della pace. Voi siete l'antidoto alla violenza."   
"Specchio per il corpo dell'amante" è il titolo che Adonis ha scelto per questi versi fortemente evocativi.
Un ricordo che poco a poco confonde i sensi... sparisce, riappare... disorienta... come un profumo, che sembra di sentire.
  
Il corpo dell'amante, ogni giorno,
svanisce nell'aria, diventa profumo
volteggia, evoca tutti i profumi
si reca al proprio giaciglio
avvolge i propri sogni, si dissolve come l'incenso
riaffiora come l'incenso.
 
Le sue prime poesie sono simili al dolore di un
     bambino
smarrito nel vortice dei ponti
poichè non sa come rimanere nelle acque, non sa
     come attraversarli.
 
Adonis
 
Immagine: "I cling to your memory (stay with me)" di Julian Hill
 

 

 
Di Alessandra Mazzucco (del 03/06/2009 @ 20:33:21, in Tra lacrime e sorrisi, linkato 6687 volte)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Si sono accordati i tigli questa notte, per aprire i loro fiori tutti insieme e regalare alla città l'illusione di un giardino.
E così, brevi soffi profumati hanno sorpreso i respiri del mattino. Nell'impazienza del rosso di un semaforo, nel passo un po' affannato verso il tram, nella corsa dei bambini per le scale della scuola...
Come un ancestrale sottofondo, incurante del cemento.
 

 
Di Alessandra Mazzucco (del 10/05/2009 @ 14:22:25, in Tra lacrime e sorrisi, linkato 10365 volte)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Lenta e rosata sale su dal mare
      la sera di Liguria, perdizione
      di cuori amanti e di cose lontane.
      Indugiano le coppie nei giardini, 
      s'accendon le finestre ad una ad una
      come tanti teatri.
      Sepolto nella bruma il mare odora.
      Le chiese sulla riva paion navi
      che stanno per salpare.
 
Vincenzo Cardarelli
 
Di Alessandra Mazzucco (del 29/04/2009 @ 21:02:23, in Tra lacrime e sorrisi, linkato 23322 volte)

"Ho messo in Caeiro tutta la mia forza di personalizzazione drammatica, ho messo in Ricardo Reis tutta la mia disciplina mentale, vestita della musica che le è propria, ho messo in De Campos tutta l'emozione che non ho dato nè a me nè alla mia vita". 

Alvaro de Campos, terzo fondamentale eteronimo di Pessoa, è un ingegnere alto, bruno, elegante e un po' snob. Le sue opere, pubblicate sulle riviste letterarie, danno origine al modernismo, corrente che nella cultura portoghese rappresenta l'avanguardia in ogni sua forma.A differenza di Alberto Caeiro e di Ricardo Reis, la sua poesia è in continua evoluzione: parte da una condizione di assoluta decadenza fino a giungere ad un'appassionata adesione al futurismo.Eppure non mostra la gioia collettiva del demolire per poi ricostruire che caratterizza il movimento, anzi, negli ultimi anni le sue poesie saranno un progressivo distacco dai miti futuristi: un crescente ripiegamento su se stesso attraverso il conflitto mai risolto tra sè e il mondo. Gli ultimi anni... specchi di Pessoa.
Il Poema in linea retta non ha metafore: suona come accusa e coraggiosa confessione. Si legge d'un fiato. Non resta che riflettere.   
 
Non ho mai conosciuto chi abbia preso legnate.
Tutti i miei conoscenti sono stati campioni in tutto.
 
Ed io, tante volte spregevole, tante volte porco, tante volte vile,
io tante volte innegabilmente parassita,
inescusabilmente sudicio,
io, che tante volte non ho avuto la pazienza di fare il bagno,
io, che tante volte sono stato ridicolo, assurdo,
che ho involto pubblicamente i piedi nei tappeti dell'etichetta,
che sono stato grottesco, meschino, sottomesso e arrogante,
che ho patito oltraggi e taciuto,
che quando non ho taciuto sono stato più ridicolo ancora;
io, che sono riuscito comico alle cameriere d'albergo,
io, che ho sentito lo strizzar d'occhi dei facchini,
io, che ho commesso vergogne finanziarie, chiesto prestiti senza pagarli,
io, che quando venne l'ora del cazzotto, mi sono rintanato
fuori della sua portata;
io, che ho sofferto l'angoscia delle piccole cose ridicole,
io verifico che non ho eguali in tutto ciò in questo mondo.
Tutta la gente che conosco e che parla con me
non ebbe mai un gesto ridicolo, non patì mai oltraggio,
non fu mai se non principe - tutti prìncipi- nella vita...
 
Volesse il cielo che udissi da qualcuno la voce umana
che confessasse non un peccato, ma un'infamia;
che raccontasse, non una violenza, ma una viltà!
No, sono tutti l'Ideale, se li odo e mi parlano.
Chi c'è in questo vasto mondo che mi confessi che una volta è stato vile?
O prìncipi, miei fratelli,
 
orsù sono stufo di semidei! 
Dov'è che c'è gente nel mondo?
 
Allora sono solo io vile e fallace su questa terra?
 
Potranno le donne non averli amati,
possono essere stati traditi - ma ridicoli mai!
Ed io, che sono stato ridicolo senza essere stato tradito,
come posso parlare coi miei superiori senza titubare?
Io, che sono stato vile, letteralmente vile,
vile nel senso meschino e infame della viltà.
 
Alvaro de Campos

 
Di Alessandra Mazzucco (del 02/04/2009 @ 21:23:51, in Tra lacrime e sorrisi, linkato 9072 volte)

 

 

 

 

 

 

  

 

  

Le coincidenze... ma esistono davvero? Per Auden ogni più piccolo avvenimento ha una sua motivazione e non può rimanere nascosta a lungo...  Ogni gesto che si compie è la conseguenza di un pensiero, un modo di essere, un sentimento... e, ad un occhio attento, racconta molto più di quello che si vorrebbe far conoscere. Così può accadere che la "deliziosa storia" rivelata all'amico del cuore, sia proprio la nostra, liberamente interpretata... ma, puo' succedere anche l'inverso: ognuno ha la sua spiegazione, ognuno la sua verità. Da tenere a mente in caso di gossip.  
 

 
Alla fine il segreto viene fuori,
    come deve succedere ogni volta,
è matura la deliziosa storia
    da raccontare all'amico del cuore;
davanti al tè fumante e nella piazza
    la lingua ottiene quello che voleva;
le acque chete corrono profonde,
    mio caro, non c'è fumo senza fuoco.
 
Dietro il morto in fondo al serbatoio,
    dietro il fantasma sul prato del golf,
dietro la dama che ama il ballo e dietro
    il signore che beve come un matto,
sotto l'aspetto affaticato,
    l'attacco di emicrania e il sospiro
c'è sempre un'altra storia,
    c'è più di quello che si mostra all'occhio.
 
Per la voce argentina che d'un tratto
    canta lassù dal muro del convento,
per l'odore che viene dai sambuchi,
    per le stampe di caccia nell'ingresso,
per le gare di croquet in estate,
    la tosse, il bacio, la stretta di mano,
c'è sempre un segreto malizioso,
    un motivo privato in tutto questo.

At last the secret is out,
   as it always must come in the end,
The delicious story is ripe
   to tell to the intimate friend;
Over the tea cups and in the square
   the tongue has its desire;
Still waters run deep, my dear,
   there's never smoke without fire.

Behind the corpse in the reservoir,
   behind the ghost on the links,
Behind the lady who dances
   and the man who madly drinks,
Under the look of fatigue,
   the attack of migraine and the sigh
There is always another story,
   there is more than meets the eye.

For the clear voice suddenly singing,
   high up in the convent wall,
The scent of the elder bushes,
   the sporting prints in the hall,
The croquet matches in summer,
   the handshake, the cough, the kiss,
There is always a wicked secret,
   a private reason for this.

Wystan Hugh Auden

Dipinto: "Chop Suey" Edward Hopper
 

 
Pagine: 1 2 3 4