\\ Home Page : Articolo : Stampa
I sogni impazziti di Camille Claudel
Di Alessandra Mazzucco (del 23/03/2008 @ 18:44:55, in Sognatori tra i pennelli, linkato 2438 volte)

"Il mio sogno sarebbe far subito ritorno a Villeneuve e non muovermi più..." così scrive Camille Claudel alla famiglia, nel 1917. Le sue parole provengono da un manicomio e non saranno mai ascoltate. Camille Claudel arriva a Parigi poco più che ragazzina già sapendo che la sua strada sarà lastricata di marmo e di bronzo: vuole diventare scultrice e anche se l'Istituto di Belle Arti è ancora di esclusivo appannaggio maschile, incoraggiata soprattutto dal padre, segue corsi privati e modella busti osservando il fratello Paul. I commenti sul suo talento selvatico e istintivo giungono presto all'orecchio di Auguste Rodin, scultore quasi celebre, che le offre di lavorare nel suo studio. Sarà l'inizio di un vincolo artistico, affettivo e psicologico che segnerà Camille fino all'ultimo giorno: diventerà la musa ispiratrice, la modella e l'amante di Rodin per dieci tormentatissimi anni, al termine dei quali, della ragazzina che determinata sognava amore e successo, non rimarrà che una pallida ombra.  
Con l'arrivo di Camille lo scultore crea una serie di opere improntate sul volto e sul corpo dell'allieva, tra cui la famosa Danaide che raffigura una donna ripiegata su se stessa, la schiena e i fianchi esposti in una bruciante sensualità. Anche il talento della modella produce opere bellissime, ma il tempo trascorre senza che Camille riesca ad affrancarsi dalla notorietà che i critici riservano a Rodin: per anni scolpisce sculture meravigliose che non vengono valorizzate e per anni serba la speranza che il suo amante si separi dalla donna con cui vive per potersi legare definitivamente a lei. Vana attesa e triste epilogo: Rodin si libera della sua musa che da quel momento produce febbrilmente numerose opere, con soggetti sempre più affranti che riflettono accorati la sua angoscia. Ne è un esempio impressionante L'età Matura, in cui una giovane implora l'uomo che viene portato via da una vecchia donna. 
Camille vive da sola, chiusa in se stessa, con il passare del tempo il vigore della sua arte stride sempre più con la fragilità della mente: non ha eclatanti atteggiamenti "da pazza", ma vive sciatta e trasandata in un piccolo studio dal quale esce solo di notte, arriverà a distruggere molti dei suoi lavori chiedendo che vengano sepolti... pochi giorni dopo la morte del padre, suo unico sostenitore, due uomini la trascinano in manicomio. La richiesta è firmata dalla madre e dal fratello, il poeta Paul, che non solo non le permetteranno di rientrare a casa, ma trascureranno ogni struggente appello e le loro visite. Camille non toccherà mai più un blocco di marmo. Solo la morte la libererà dalla sua prigionia, nel 1943, dopo trent'anni.